Una cambusa speciale tra food space e cibo tradizionale
cibo_3

“Considero il procurarsi del cibo sano una forma moderna di caccia”, questo è l’approccio all’alimentazione di Gaetano Mura e quello che non ci siamo mai dimenticati nel progettare la cambusa. La costruzione della cambusa di ITALIA è stato un complesso lavoro di equipe che ha tenuto conto di aspetti fisiologici, antropometrici, bromatologici, igienici, psicologici e culturali, il tutto e’ stato affrontato con rigore scientifico, rispetto dei gusti e dei principi della sana alimentazione.
Per questo motivo affronteremo la sua descrizione raccontando tutti i diversi aspetti singolarmente, partendo dalla fisiologia della nutrizione fino ad arrivare alla descrizione dei piatti. Se avrete la pazienza di seguirci avrete un quadro completo del lavoro che è stato necessario per curare la nutrizione durante questa emozionante sfida.

UNA MACCHINA SEMPRE ACCESA, DIFETTOSA O… PERFETTA?
Vi immaginate se la vostra autovettura non si spegnesse mai, nemmeno quando è parcheggiata ? Quanto vi costerebbe in benzina, ed in pezzi di ricambio?
Mi piace immaginare il nostro organismo come una macchina perfetta sempre accesa e pronta ad adattarsi ad ogni nostra necessità e ad ogni cambiamento dell’ambiente che ci circonda. Dentro il nostro corpo viaggeremo per tutta la vita ed abbiamo il dovere di prendercene cura nel migliore dei modi, nessun altro lo farà per noi, ed è meglio non ricorrere a pezzi di ricambio. Come già detto la nostra macchina non si spegne mai, per fortuna, e sappiate che niente vi succede per caso. Viviamo in un continuo ‘equilibrio energetico’, disperdiamo e riceviamo energia, questa energia è misurata in Kilocalorie.
Le Kilocalorie misurano l’energia dissipata dal nostro organismo per svolgere TUTTE le sue attività, che, vi garantisco, non sono poche. Esiste una quantità minima di energia che serve al corpo per mantenere le sue funzioni basali (per gli amanti dei numeri: moltiplicate 24 per il vostro peso corporeo). Ecco perché la nostra macchina non si spegne nemmeno quando dormiamo, anzi, proprio mentre dormiamo, ripara i danni della giornata appena trascorsa e prepara le risorse per la giornata successiva.
Il numero di Kilocalorie del metabolismo basale (ricordiamo kg di peso corporeo x 24) vi sarebbe sufficiente se trascorreste tutto il giorno sdraiati senza fare nulla a temperatura costante. Dal momento che noi tutti ci muoviamo, chi più chi meno, ed usiamo energia per adattarci all’ambiente che ci circonda, il numero che abbiamo trovato va moltiplicato per dei coefficienti che sono tanto più alti quanto più è attivo il nostro stile di vita. Tali coefficienti vanno da un minimo di 1,2-1,4, per le persone sedentarie, fino ad arrivare a 2,0-2,2, ed oltre, per le persone particolarmente attive.
Sappiate che questo numero noi dobbiamo raggiungerlo ogni giorno, e lo dovremo incrementare all’incrementare della nostra attività fisica.
Cerchiamo di vedere il numero di calorie giornaliere come un contenitore, il nostro serbatoio, e starà a noi decidere se riempirlo di cibo spazzatura o di benessere, certo è, però, che lo dobbiamo riempire.
Il modo in cui noi riempiremo questo serbatoio avrà delle conseguenze dirette sul nostro umore, sulla nostra vita, e pure sui nostri fianchi, che ci piaccia o meno.
Iniziamo a capire che la Sana Alimentazione è fatta di quantità, qualità e varietà. Le Kilocalorie esprimono la quantità di energia necessaria.
Se noi daremo al nostro organismo la giusta quantità, qualità e varietà nell’alimentazione la macchina perfetta ci ricompenserà con vitalità, buonumore ed una giusta composizione corporea.
Sintesi: Scopriamo cosa sono le calorie, perché ci servono ogni giorno e QUANTE ce ne servono. QUANTA energia consuma una macchina che non si spegne mai?

Le visite mediche