Foto 18 10

Diario di bordo 2 novembre 2016

Oltre 24 ore su spinnaker senza mai cambiare di bordo, assecondando così questo lieve respiro oceanico, scostante  in intensità e direzione, su una lunga e rotonda onda gravida  che assicura il gioco costante del lungo  saliscendi.

Il programma rispetto al passaggio tra le isole Canarie è cambiato (Nel frattempo, dopo che Gaetano ha scritto il suo diario, sono cambiate le condizioni meteo ed è probabile il passaggio tra le isole). La depressione formata al largo del Portogallo anticipa la sua discesa  e porterà  nella nostra zona di navigazione venti in rotazione verso sinistra che si stabiliranno dal settore occidentale.

Noi proseguiamo a navigare verso ovest, mure a dritta, sfruttando la rotazione e cercando di posizionarci più ad ovest possibile per poter scendere più larghi (rispetto all’angolo di incidenza col vento) nel momento in cui il vento verrà dal settore opposto.

Navighiamo al centro di un anfiteatro di nuvole tipiche da Aliseo…delle belle Canarie ci accontentiamo di intuirne le imponenti sagome  coi capelli di nuvole bianche, dovute all’ aria calda della terra che sale e si condensa quando trova una temperatura più bassa, e di immaginare i profumi visto che si trovano sottovento rispetto a noi.

Avevo preso l’accordo con un mio carissimo amico, Lorenzo  Nadali eccletico alpinista, grande avventuriero, sognatore e super volatore di parapendio, che vive qui alle Canarie, perchè si affacciasse sul Canale della Gomera o che arrivasse in volo col suo magico aquilone per salutarci. Ma va bene anche così ..il bello di pianificare un desiderio è averlo già realizzato a metà.

 Facciamo il pieno di sole perchè da domani ci sarà pioggia, si continua a pescare qualche pesce  che ci fa posticipare i cibi confezionati della bravissima Giovanna (Giovanna Ghiani, la nutrizionista) a tempi meno generosi.

So che ci seguite sempre in tanti, un saluto a tutti.

Gaetano e Italia